In giro per New York trovi David Beckham in mutande per H&M

Prendete un marchio di fama planetaria di abbigliamento low cost (H&M), che ha sedi in tutto il mondo, che vanta collaborazioni con nomi del calibro di Lanvin, Marni, Versace, Madonna, Jimmy Choo ecc ecc…
Fatto?
Bene!
Ora prendete un calciatore, pure di lui fama planetaria, con un fisico da Bronzo di Riace, mascellona pronunciata e immancabili bicipiti (tricipiti e anche quadricipiti) completamente tatuati…un certo David Beckham
Preso?
Ottimo!
Ora metteteli insieme…ma come?

Non potendolo ricoprire di lustrini e paillettes,  gli svedesi hanno ben pensato di spogliarlo, o meglio, di fargli “disegnare” una linea di intimo che poi lui stesso avrebbe indossato per pubblicizzare la collezione (vedi foto sotto).


Fino a qui è già un bel colpo direte voi…e infatti un testimonial così non è roba per tutti.
Ma all’ufficio marketing di H&M il super modellone nudo non deve essere sembrato abbastanza, così è stato deciso di lanciare una originale campagna di viral in tre città americane, battezzata “Seen Beckham?”
New York, Los Angeles e San Francisco sono state teatro lo scorso agosto di un contest molto particolare, in cui statue argentate di Beckham spuntavano qua e là, e ti invitavano a farti fotografare vicino a lui.
Inviando poi la propria foto, c’era la possibilità di partecipare all’estrazione di una serie di premi: 100 mini statue di Beckham, intimo autografato dal calciatore ed infine 1.000 dollari da spendere presso i negozi H&M.
Femmine adoranti e maschietti invidiosi…come potete vedere nel sito che raccoglie le foto del contest hmbeckham.com, hanno dimostrato per l’ennesima volta che azioni di  marketing originali e mai banali che coinvolgano i V.N.P. (Very Normal People),  hanno il potere di rendere un brand ancora più forte e amato dai consumatori…

Certo, anche i muscoli di Beckham hanno fatto la loro parte però!

Annunci

2 pensieri su “In giro per New York trovi David Beckham in mutande per H&M

  1. Ci sono prodotti che andrebbero comprati solo ed unicamente per premiare l’approccio comunicativo dell’azienda che li produce e o distribuisce. Come, al contrario e purtroppo, esiste una quantità immane ed insopportabile di prodotti e servizi promossi male, che io boicotto per principio. Vuoi i miei soldi? Impegnati, cavolo. Come quelli che si fanno il profilo invece della pagina per promuovere la loro aziendina, tipo il bar, e ogni tanto cosi ad minchiam pubblicano la foto della brioche più triste squallida e brutta del mondo. Che sa di vecchio solo a guardarla.

    Io avrei questo istinto salvifico che mi spingerebbe anche a tentare di spiegar loro l’entità del danno medio prodotto da queste fotine tristi ed orribil, da questi volantini autoprodotti con office rigorosamente in comic sans, tanto per andare sul sicuro. Ma temo sia disperatamente, inesorabilmente, drammaticamente inutile.In saecula, saeculorum.

    1. Pienamente d’accordo.
      “Eh ma loro hanno i soldi per farlo”,
      È la risposta che solitamente ti danno, giusto?
      Manca la consapevolezza che se ci sai fare, se sei creativo, anche una brioschina possa diventare oggetto del desiderio, certo H&M è un colosso, ma lo è diventato anche (soprattutto?) grazie a questo genere di iniziative.
      In fondo questi vendevano mutande, mica diamanti neri!
      Amen

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...